Manifesto

CHIAMATECI “MELTING”

Siamo nati in un’epoca in cui, ci hanno detto, gli ideali sono morti, le passioni sono morte. Dio, i valori, la buona educazione, le mezze stagioni, i bei tempi andati, il passato, il futuro e la speranza sono morti. Siamo nati a quanto pare in un ossario, in un campo santo.

Eppure siamo nati e abbiamo dei progetti.


Stiamo programmando, stiamo investendo. Abbiamo deciso di non scuotere le spalle, di non abdicare alle sfide, di non mimetizzarci, di non adattarci e di non sdraiarci. Abbiamo l’impressione che molto di quello che si dice sia solo un modo di raccontare l’impossibilità.

Non lavoriamo solo a progetti comuni, ma il nostro progetto è mettere in comune il nostro lavoro. Lavoriamo nello spazio del “Melting”.

  • Vogliamo fare un racconto diverso, per rovesciare il discorso, per rivoltare il destino.

  • Vogliamo fare un teatro sfaccettato. Investendo sul tempo, sulla società, sull’opportunità della krisis. E sul nostro incontro.

  • Vogliamo fare arte, con il teatro, con la performance. Vogliamo arrivare ad avere un pubblico esigente.

  • Vogliamo che i nostri spettatori siano partner di un’avventura e non dei consumatori.

  • Vogliamo che il nostro pubblico diventi cosciente del fatto che il teatro è una forma d’arte vivente, che ogni sera viene creato e ricreato, e che per questo è fragile.

Per questo vogliamo dare valore al rischio, al carattere effimero del teatro, all’unicità e irripetibilità dell’esperienze che si crea ogni sera in quella comunità temporanea formata dal pubblico e dai suoi attori.

Dunque non chiamateci ditta, gruppo, compagnia, famiglia, amici. Chiamateci “melting”.

HANNO FIRMATO

Francesco Quistelli

“perchè la vita è tutto ciò che accade, e il teatro racconta la vita.”

Maria Cecilia Cotugno

Francesca Dodi

Claudia Lombardi

“Perché ho visto diversi spettacoli delle compagnie che fanno parte di Melting, perché conosco personalmente molti di voi e posso quindi attestare che il vostro lavoro è serio e di qualità, così come il vostro impegno e questo manifesto che lo sintetizza, perché sto dalla parte dei giovani che si impegnano, perché credo in progetti come questo, perché questo significa voler crescere e far crescere il teatro di cui fate parte, perché questi sono i valori in cui credevo io alla vostra età e vedere che c’è ancora chi ci crede continua a farmi sperare in un mondo (teatrale ma non solo) migliore! Complimenti e lunga vita a Melting!
Tutto il mio sostegno e la mia stima!”

Silvia Cereda

Alice Pavan

“Anche io faccio teatro e credo che non ci sia teatro senza contaminazione, senza la voglia di incontrare chi sta con te sul palco e chi ti sta di fronte, diverso ogni sera/giorno, credo che il pubblico sia parte integrante del processo creativo perché impone delle scelte e deve essere esigente nei confronti degli artisti e ugualmente chi si definisce tale deve essere esigente nei confronti del suo pubblico. Credo nella condivisione e nella costruzione collettiva e mi piace ciò che fate. “

Angela Villa

“perchè si dà spazio alle piccole realtà”

Firma anche tu il manifesto

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Dicci perchè ti piace questa iniziativa

Leggi l'informativa sulla privacy.

Inviando questo messaggio dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003.